Canada e il miglior sistema per l'immigrazione

Secondo l'ultimo report OCSE "Recruiting Immigrant Workers: Canada 2019", questo Paese ammette il maggior numero di lavoratori migranti qualificati dell'area OCSE. Canada, grazie al sistema di ingressi di lavoratori stranieri qualificati più attentamente progettato e di più lunga data nell'OCSE, vanta anche la più grande percentuale di immigrati altamente istruiti nell'OCSE e alti livelli di accettazione pubblica della migrazione.

Secondo l'OCSE, Express Entry - lo strumento utilizzato dai lavoratori stranieri qualificati per presentare una manifestazione di interesse all'ingresso in Canada introdotto nel 2015 - ha notevolmente migliorato l'efficienza e l'efficacia della gestione permanente della migrazione per lavoro. Consente di classificare i migranti da una lista di candidati idonei. Una caratteristica unica del modello canadese, a differenza di altre procedure di selezione, è livello di profilazione dei candidati ammissibili all'immigrazione, secondo le esigenze del mercato del lavoro interno. Questo modello opera un'analisi del livello di competenze, fra cui la competenza linguistica e la capacità di trasferire precedenti esperienze lavorative straniere nel contesto canadese.

Il rapporto dell'OCSE sottolinea che il fulcro del successo del Canada non è solo il suo elaborato sistema di selezione, ma anche la completa infrastruttura su cui è costruito, che garantisce modalità di valutazione, monitoraggio e adattamento costanti dei suoi parametri. Ciò include una completa infrastruttura di dati, la capacità di analizzare tali dati e la conseguente rapida reazione politica a nuove prove e sfide emergenti. Le recenti riforme hanno affrontato diverse carenze iniziali nel sistema di accesso rapido, come ad esempio troppi punti attribuiti per un'offerta di lavoro (che ha portato ad un alto apporto di migranti che lavorano nel settore dell'ospitalità, per esempio) e che sono stati successivamente ridotti. L'attuale sistema di selezione si concentra su fattori di capitale umano come l'età, la competenza linguistica e l'istruzione ed è in gran parte orientato all'offerta - il che significa che la maggior parte degli immigrati del lavoro sono ammessi senza un'offerta di lavoro - in contrasto con la maggior parte degli altri paesi OCSE.

Per rafforzare ulteriormente il sistema, il Canada dovrebbe affrontare alcune incoerenze rimanenti. Ad esempio, i criteri di accesso alle liste di candidati idonei non sono ben allineati con i criteri di selezione finali e i requisiti linguistici per diversi gruppi di candidati già residenti sono inferiori rispetto a quelli provenienti dall'estero. Inoltre, un programma specifico progettato per attirare imprenditori consente la migrazione solo per poche occupazioni e non necessariamente dove vi sono carenze, il che contrasta con i suoi obiettivi originali. Fornire un'unica griglia di accesso basata sui criteri fondamentali per la selezione finale semplificherebbe il sistema e garantirebbe standard comuni.

La gestione della migrazione permanente del lavoro è condivisa tra i governi federali e provinciali / territoriali del Canada. Il ruolo sempre più significativo svolto dai governi regionali nella selezione e integrazione ha portato a una distribuzione geografica più equilibrata dei migranti in tutto il paese. I migranti selezionati a livello regionale hanno un profilo di competenze inferiore rispetto ai migranti selezionati a livello federale, ma vantano migliori risultati iniziali sul mercato del lavoro e un alto livello di fidelizzazione. L'OCSE raccomanda inoltre di prendere in considerazione un programma pilota provinciale per lavoratori stranieri temporanei, per consentire ai territori locali di rispondere meglio alle esigenze regionali di lavoro ciclico o stagionale che non sarebbero altrimenti soddisfatte, senza la necessità di ricorrere alla migrazione permanente attraverso la nomina provinciale.

La maggior parte dei candidati provinciali - come i loro omologhi selezionati a livello federale - si stabiliscono in aree metropolitane e agglomerate, uno sviluppo che il Canada sta attualmente affrontando con un innovativo programma guidato dalla comunità rurale. Ciò include un modello per favorire i ricongiungimenti familiari e consentire un maggiore livello di integrazione dei lavoratori stranieri. In effetti, il rapporto rileva che il Canada è stato in prima linea nella sperimentazione di nuovi approcci olistici per la gestione della migrazione del lavoro e il collegamento con i servizi territoriali, in particolare nelle aree con sfide demografiche.

Fonte: OSCSE

Ultima modifica il Martedì, 10 Settembre 2019 04:26