Utenze domestiche

Per avere una utenza domestica (acqua, luce, gas, internet, telefono) è necessario chiedere l’attivazione della fornitura che può essere onerosa. Se l’utenza esiste già ma è intestata ad un’altra persona puoi richiedere una voltura, risparmiando. Ad eccezione dell’acqua, che è di proprietà pubblica, come consumatore puoi scegliere l’Azienda fornitrice.

Le bollette sono spesso calcolate sulla base del consumo stimato e non del consumo effettivo. Ogni tanto bisogna effettuare l’autolettura e qualora si hanno dei problemi è possibile contattare l’Azienda di fornitura. Se ci sono degli errori sulla bolletta è possibile inviare un reclamo scritto secondo le modalità indicate nel contratto o ricevute dal Servizio Clienti. Per ulteriori chiarimenti è possibile rivolgersi alle Associazioni dei Consumatori.

Le bollette vanno pagate sempre entro la data di scadenza. Ogni pagamento fatto in ritardo fa aumentare il costo della bolletta successiva. L’Azienda fornitrice prima di staccare l’utenza deve inviare almeno un sollecito scritto. L’energia elettrica non può essere interrotta quando in casa sono attivi strumenti salva-vita o per malfunzionamento del contatore.

Se l’importo della bolletta o del conguaglio è elevato puoi chiedere all’Azienda fornitrice una rateizzazione entro la data di scadenza del pagamento. Se la bolletta dell’acqua è più alta del solito è possibile che ci sia stata la rottura di un tubo. Il guasto deve essere segnalato all’Azienda.

Per sostenere le famiglie in difficoltà economica sono previste diverse agevolazioni. Per consultare tutte le agevolazioni visita Area Tematica “Sociale” di questo sito, Servizi – Famiglia.

Fonte: ASTEA

Ultima modifica il Martedì, 07 Agosto 2018 15:09